L’universo della pietra: storia del territorio del parco

06
NOV 16

L’attività, in programma domenica 6 Novembre è un percorso che consentirà di apprezzare i molteplici aspetti, i paesaggi, gli usi e le tradizioni del comprensorio del Parco.

Rauccio comprende,infatti, diverse unità paesaggistiche che testimoniano la trasformazione successiva del territorio: dall’originaria medioevale copertura boschiva del suolo alla trasformazione agricola e rurale cinquecentesca con masserie fortificate, carrarecce, pagghiare, muretti a secco:  inconfondibili testimonianze del “paesaggio della pietra” e patrimonio culturale salentino. E’ un trekking che si snoda lungo i sentieri del Parco, conducendo il visitatore a ritroso nel tempo, a quel tempo in cui l’agricoltura era l’occupazione principale.

Camminando tra i sentieri di campagna e fra gli olivi contorti dove il tempo sembra essersi fermato, ammireremo le  numerose costruzioni piene di fascino che fanno, ormai, parte dell’ambiente  circostante come l’albero radicato nella terra, come il contadino che, prendendosi cura del suo campo, spera che le sue premure possano donare buoni frutti.  Il paesaggio salentino è un paesaggio ricco di storia che racconta l'opera di un popolo che per secoli ha dedicato la sua vita all'agricoltura.
Un paesaggio in cui le pietre, dure e superficiali, costituirono dapprima, un ostacolo al lavoro  costringendo il contadino ad una ingente e faticosa attività di spietramento, trasformandosi poi, piano piano, in  sorprendenti architetture rurali ancora riconoscibili e fortemente identitarie del nostro territorio.

Il territorio è,infatti, segnato da manufatti che nel corso dei secoli hanno modificato profondamente l’aspetto e la composizione del paesaggio: sono  "muretti a secco", "truddi" e  "casedde,  "spase", "furneddi", "cisterne" ,"pozzi",  "aie" e "puddari". Sono le costruzioni in pietra a secco, che  possiamo intravedere tra i campi assolati della nostra terra, nate dall’esigenza dei nostri contadini di strappare alle macchia e alla roccia terreni sempre più estesi dove poter coltivare.
E’ questo il "paesaggio delle pietre". Pietre che raccontano, che vogliono comunicare con noi per ricordarci tempi lontani fatti di duro lavoro, di intensi sacrifici, a volte mal ripagati dalla natura ostile: ascoltiamole! Sono pietre che hanno fatto la storia dei nostri padri.  

L’appuntamento è alle ore 10.00, presso l’area pic-nic del Parco, sede del Centro di Esperienza Fillirea. Termine attività: ore 12.00. Organizzazione e gestione: Coop. Terradimezzo. Si consiglia la prenotazione entro il venerdì precedente. Minimo 5 partecipanti, massimo 25/30. E’ prevista una quota di partecipazione in rapporto al numero dei partecipanti.

info al: 347 0041896;  www.coopterradimezzo.it;  FB: Cooperativa Terradimezzo;  www.salentonature.it

 



Parco Naturale Regionale Bosco e Paludi di Rauccio, SP93, LE, Italia


Foto della galleria multimediale