SULLE TRACCE DEI MASSARI: alla scoperta dei tesori, nascosti o poco conosciuti, del Parco.

12
FEB 17

Le masserie fortificate, i grandi insediamenti rurali sorti tra il XV e il XVII secolo, hanno rappresentato l’espressione di una organizzazione latifondistica del territorio unita all’esigenza di difesa dalla minaccia delle invasioni turche. Percorrendo i sentieri del Parco  si potrà  vedere un certo numero di masserie che oggi mostrano i segni dell’oblio e che, nonostante ciò, sono la testimonianza dell’ architettura salentina che maggiormente rappresenta un esempio di archeologia contadina che va ineluttabilmente scomparendo.

Oggi, una parte di queste grandi fortificazioni è ancora in piedi, nonostante l’abbandono progressivo delle campagne registrato negli ultimi 60 anni perché alcune menti lungimiranti hanno provveduto a far rinascere questi antichi baluardi, trasformandoli in una florida attività che ha il meritevole e doppio scopo di consentire ancora la coltivazione della terra e di far conoscere il nostro paesaggio ai turisti. E come turisti faremo una passeggiata in questo storico territorio, dove una volta si estendeva la famosa foresta di Lecce, e la Platea di Cerrate, una cortina di giganti fortificati pronti alla resistenza.

 

La passeggiata è inserita nella proposta didattico/turistica del Centro di Esperienza “Fillirea” che tutte le domeniche accompagna visitatori ed appassionati alla scoperta del Parco, dei suoi tanti aspetti e peculiarità.

L’appuntamento è per le ore 10,00 presso l’area preparco e terminerà alle ore 12,00.

Si consiglia la prenotazione entro il venerdì precedente. Minimo 5 partecipanti, massimo 25/30. E’ prevista una quota di partecipazione in rapporto al numero dei partecipanti.

 

info al: 347 0041896  ;  www.coopterradimezzo.it;  FB: Cooperativa Terradimezzo; www.salentonature.it

 



Parco Naturale Regionale Bosco e Paludi di Rauccio, SP93, Lecce, LE, Italia


Foto della galleria multimediale