PROGETTO

LIVE YOUR TOUR, il Programma ENPI CBC[1] per il Bacino del Mediterraneo

L’accordo multilaterale di cooperazione transnazionale “Programma per il Bacino del Mediterraneo” è parte della nuova Politica Europea di Vicinato e del suo strumento finanziario (ENPI), il cui obiettivo generale è quello di contribuire a promuovere un processo di cooperazione sostenibile e armonioso a livello del bacino del Mediterraneo, attraverso la risoluzione delle sfide più comuni e il miglioramento del suo potenziale endogeno. Il Programma prevede il finanziamento di progetti di cooperazione per lo sviluppo socio-economico e l’arricchimento dei territori, il dialogo culturale e la governance locale, con l’obiettivo finale di rafforzare e armonizzare le sinergie e la cooperazione transnazionale tra i paesi dell’Europa mediterranea.

 

Presentazione generale del progetto e dei suoi obiettivi

La finalità del progetto è di incrementare il Turismo Sostenibile in alcune aree dell’Italia, della Spagna, del Libano e della Tunisia, favorendo i flussi fuori stagione, lo sviluppo di queste aree e l’arricchimento delle loro culture, riducendo le pressioni non sostenibili del turismo sulle zone costiere, al fine di mitigare l’impatto sull’ambiente. Attraverso l’identificazione di possibili destinazioni alternative, rispetto a quelle più conosciute e sfruttate per fini turistici, il progetto ambisce a sviluppare una diversa relazione visitatore/territorio che consenta al turista di apprezzare le caratteristiche di diversi luoghi. L’intensa cooperazione tra le varie aree coinvolte nel progetto, operanti come un network, offrirà diversi itinerari integrati come un tutt’uno che, nonostante le differenze, sono riconosciuti come parte della realtà Mediterranea.

Nello specifico, il progetto ha la finalità di incrementare la capacità e il know-how delle Autorità Locali in termini di pianificazione strategica transnazionale sul Turismo Sostenibile attraverso formazione e servizi continui di supporto: un denso scambio di idee ed esperienze all’interno del network internazionale dei paesi del Mediterraneo. Le azioni includono anche larghi segmenti della società civile mediante campi estivi per giovani, progettazione di giochi, corsi di consapevolezza nelle scuole.

 

Descrizione del progetto

Il progetto migliorerà la situazione dei gruppi target a vari livelli. Per quanto riguarda le Autorità Locali, il progetto incentiverà le loro capacità e know-how in termini di pianificazione strategica del Turismo Sostenibile. Le competenze tecniche locali verranno perfezionate attraverso corsi di formazione, assistenza permanente e scambi di esperienze mediante la creazione di una solida rete internazionale nel Mediterraneo. Le Autorità Locali libanese e tunisina trarranno vantaggio dalle esperienze e pratiche strategiche territoriali implementate in Puglia e Andalusia nel settore turistico; in particolare, miglioreranno la loro collaborazione con il settore privato. Le Autorità Locali italiana e spagnola svilupperanno strategie innovative per aumentare la coesione territoriale, salvaguardare il valore delle risorse locali e disegnare un piano di sviluppo transazionale integrato per il Turismo Sostenibile. In particolare, in Puglia, lo strumento di pianificazione regionale SAC (Sistemi Ambientali e Culturali) sarà potenziato.

La dimensione transnazionale (in particolare gli scambi culturali) consentirà ai rappresentanti delle Autorità Locali di entrare a far parte delle reti internazionali e di sperimentare le best practice per i loro territori. Le Organizzazioni della Società Civile (organizzazioni non governative, associazioni professionali, culturali e per l’eco-turismo, agenzie per lo sviluppo) saranno pienamente riconosciute come portatori di interesse cruciali per la pianificazione strategica e per la promozione del loro territorio; diverranno più attive nella preservazione e incentivazione dell’eredità culturale e naturale, a livello locale, nazionale e internazionale. Inoltre, miglioreranno la propria abilità nel gestire approcci partecipativi allo scopo di indirizzare e coinvolgere i cittadini, con particolare attenzione ai gruppi marginali, garantendo quindi uno sviluppo basato sulla “comunità”.

I giovani acquisiranno maggiore consapevolezza circa l’importanza di preservare l’eredità culturale e naturale. Gli studenti (insieme ai propri insegnanti) e i ragazzi coinvolti nelle OSC intraprenderanno un percorso educativo di tre anni che impatterà sul loro apprendimento e comportamento, consentendo loro di sentirsi parte della comunità del Mediterraneo, specialmente attraverso i campi internazionali.

L’aumento dei flussi di Turismo Sostenibile migliorerà la situazione delle piccole e medie imprese (PMI) del settore, poiché il turismo responsabile ha un impatto diretto sulle economie locali. I tour operator, le strutture di accoglienza, gli artigiani, le società dell’agroalimentare, le aziende di trasporto, i complessi culturali e di intrattenimento, le industrie locali e molti altri operatori privati, diverranno parte di un sistema turistico virtuoso, grazie ad una maggiore accessibilità alle aree e ad un’offerta diversificata.

Attraverso la redistribuzione della pressione turistica su una stagione più estesa e verso segmenti di mercato diversi, il progetto consentirà alle imprese di nicchia di aumentare le opportunità di mercato e all’intero settore di estendere il periodo di attività. Inoltre, l’accesso verrà alimentato anche per le aree più marginali, solitamente escluse dagli introiti del turismo di  massa. Le PMI locali si arricchiranno di strumenti di marketing innovativi per incrementare la loro competitività sui mercati nazionale, del Mediterraneo e internazionale. I tour operator e le aziende di trasporto, in particolare, beneficeranno di un’alternativa per affrontare la crisi economica che ha toccato il tradizionale turismo di massa.

Tuttavia, Live Your Tour è un progetto indirizzato ai turisti. I turisti, infatti, potranno sperimentare un modo autentico di viaggiare mediante interazioni emotive, sociali e partecipative con i luoghi, le loro culture e la gente autoctona. Beneficeranno, inoltre, di servizi turistici potenziati e della migliore accessibilità alle strutture; visiteranno e scopriranno luoghi insoliti e non affollati, specialmente nell’entroterra e per tutto l’anno. I cittadini del bacino del Mediterraneo godranno di una maggiore protezione del patrimonio e potranno sentirsi profondamente parte della comunità mediterranea. In tutte le aree target, i flussi di Turismo Sostenibile, grazie ad una migliorata diffusione stagionale e geografica degli arrivi, porteranno degli introiti economici più bilanciati. Le popolazioni marginalizzate dell’entroterra avranno l’opportunità di far parte della catena del valore del turismo locale, accogliere i turisti e incrementare i guadagni. In aggiunta, potranno trarre vantaggio dagli scambi culturali derivanti dai contatti con i turisti.  

Vari attori a livello nazionale e internazionale con potere decisionale sull’intero bacino del Mediterraneo potranno fare riferimento a nuove best practice ed entrare a far parte delle reti internazionali create all’interno del progetto. La catena del valore del turismo in Italia, Spagna, Tunisia e Libano rivitalizzerà i profitti nell’ambito di un circolo virtuoso di un turismo più sostenibile.

I partner saranno provvisti di strumenti di management e metodologie adeguate, con particolare riferimento al Project Cycle Management, procedure di monitoraggio tecnico e finanziario, nuovi approcci di facilitazione e partecipazione. Particolare attenzione sarà prestata ai partner del Sud: il progetto migliorerà e rafforzerà le loro competenze manageriali, finanziarie e tecniche attraverso specifici corsi di formazione e assistenza permanente.

 

 

[1] Cross-Border Cooperation (Cooperazione transnazionale)